Il tempo a Civello:
Gruppi Corale Vespri Musicali a Civello, 23 marzo 2024
Il tempo a Civello:
Gruppi Corale Vespri Musicali a Civello, 23 marzo 2024

Vespri Musicali a Civello, 23 marzo 2024

Ultimo appuntamento dell’iniziativa musicale della Parrocchia SS. Cosma e Damiano di Civello di Villa Guardia, che ha accompagnato, ad ogni sabato di Quaresima, durante l’ora dei Vespri (più propriamente detti “Primi Vespri” per distinguerli dai Secondi Vespri della domenica che segue), la preparazione alla messa prefestiva. L’evento, organizzato dall’organista di Civello Filippo Speranza, vuole offrire a tutti un invito alla meditazione personale e comunitaria. La musica accompagna, eleva le menti e lo spirito ad un livello che si colloca al di sopra della quotidianità e, in ultima analisi, ci fa tendere verso la percezione della trascendenza. La meditazione è unanimemente riconosciuta come attività che contribuisce grandemente al benessere della persona. Ancor più se è accostata all’armonia della musica.

L’ultima data si colloca in un momento importante per i riti che precedono la Pasqua: quello delle Palme. Avremo modo di assistere ad un interessantissimo evento, sia a livello spirituale che culturale.

Il maestro Alessandro Riganti, esperto di codici musicali medioevali, ci offrirà, alla direzione di un ensemble corale d’eccezione, Antiqua Laus, l’ascolto dei vespri propri del giorno del Monastero delle Benedettine dell’isola di Orta S. Giulio, in rito romano. Tale gruppo oltre a spaziare nel canto gregoriano, è specializzato nell’esecuzione del canto ambrosiano classico, forma di canto monodico risalente ai primi secoli e nato in seno alla chiesa mediolanense fondata da S. Ambrogio. Nel programma verrà offerta una rarità musicale: un brano di canto beneventano. Il canto beneventano si diffuse nel Centro-Sud fa parte dei canti sacri monodici più antichi, la cui nascita pare sia collocata non prima della metà del VII secolo, e che fa parte, come l’ambrosiano (nato ancora prima: nel IV secolo), dei canti pre-gegoriani.

Una delle peculiarità di questo coro è quella di far tornare in vita il repertorio nascosto nei codici medioevali che, nell’insieme, costituiscono un patrimonio enorme, per la maggior parte ancora da trascrivere e far venire alla luce.

Alessandro Riganti, nato a Solbiate Arno nel 1962, ha iniziato lo studio del pianoforte privatamente conseguendo la licenza di teoria e solfeggio presso il Conservatorio G. Verdi di Milano nel 1979. E’ iscritto alla SIAE come Cantautore dal 1984. Tra l’86 e il ’91 frequenta il Pontificio Istituto Ambrosiano di Musica Sacra di Milano, alla scuola dell’importante studioso gregorianista Fulvio Rampi, ottenendo il Magistero in Canto Gregoriano e contemporaneamente un posto nei celebri Cantori Gregoriani fin dalla fondazione del coro (1986). Sempre sotto la direzione del maestro Rampi, ha cantato dal 1999 al 2010 nella Cappella Musicale della Cattedrale di Cremona e fa parte dell’attuale gruppo polifonico diretto dallo stesso maestro.
 Ha inoltre svolto attività didattica come docente di musica, di religione e nl corso estivo “Il suono della Parola” organizzato dai Cantori Gregoriani dal 1996 al 2004 a Milano e Rovigo. Inoltre, ha fatto parte della redazione della rivista “Note Gregoriane“. Nel 1995 fonda la “Compagnia teatrale Ex Novo” e nel 2008 il gruppo di Canto Gregoriano e Ambrosiano “Antiqua Laus” di cui è direttore stabile. Suoi gli articoli di analisi e di trascrizione in notazione quadrata dei manoscritti pubblicati nei primi due volumi dei Quaderni di Storia del Territorio Varesino: “San Sebastiano” (2011) e “Monasteri Fruttuariensi del Seprio” (2012). Vanta anche una duratura collaborazione con don Antonio Mazzi, fondatore della fondazione EXODUS. Sposato dal 1986 ha 2 figli e con la moglie Monica condivide l’attività di artigiano tappezziere.
Il gruppo vocale Antiqua Laus nasce negli ultimi mesi del 2008 con l’intento di dare voce ad un antico codice ambrosiano ritrovato nella chiesa parrocchiale di Coarezza, frazione di Somma Lombardo (Varese), contenente Vespri e Messa di San Sebastiano Martire.
Da un iniziale nucleo di quattro elementi si arriva al numero attuale di otto.
Nel giugno 2009 , il gruppo ha partecipato all’incisione del disco: Jesu dulcis memoria edito dalla Universal.
Nel novembre 2010 esce la pubblicazione curata dal gruppo “San Sebastiano. Liturgia solenne di rito ambrosiano. Manoscritto di Coarezza di Somma Lombardo” – Pietro Macchione Editore, il primo volume dei Quaderni di Storia del Territorio Varesino.
Nella Quaresima 2009 Antiqua Laus si è proposto in un interessante programma: Meditazione sotto la croce in collaborazione con la Compagnia Ex Novo.
Nel 2011, su testo di Erri De Luca In nome della Madre, ha preso vita un’altra coinvolgente proposta di teatro unito al canto Gregoriano e Ambrosiano, con originali armonizzazioni al pianoforte, ispirate alle antiche melodie eseguite poi dal coro a cappella.
Nel dicembre 2012 è uscito il secondo volume dei Quaderni di Storia del Territorio Varesino: Monasteri Fruttuariensi del Seprio, con l’incisione di Antiqua Laus de “Vespri e Messa di San Giovanni Battista, Messa del Santo Rosario, Ordinario e Antifone Mariane” tratte da un codice del XVI sec. custodito presso la Badia di San Gemolo di Ganna (Varese). L’Associazione Culturale Italia Medievale ha ospitato il Coro per una presentazione-concerto presso la Libreria Feltrinelli di Via Manzoni a Milano.
A gennaio del 2014 il terzo volume di Quaderni di Storia del Territorio Varesino: Canonica San Vittore – Bedero in Valtravaglia relativo all’Antifonario Ambrosiano Codice B del XII secolo. Oltre al cd con l’incisione ad opera del coro della liturgia di San Vittore (Vespri e  Messa) con improvvisazioni organistiche del M.to Alessandro La Ciacera del Duomo di Milano, il volume è corredato di un dvd multimediale progettato dal corista Mauro Stefano Giani la cui navigazione consente di accedere al contenuto dell’intera pubblicazione, dagli approfondimenti alle singole pagine del manoscritto, ai brani incisi dal coro. Illustri personalità del settore hanno contribuito alla realizzazione dell’opera: Prof. Giacomo Baroffio, Angelo Rusconi, Mons. Marco Navoni,
A Maggio 2015 ha registrato presso la Basilica S. Maria Assunta in Gallarate (Va) un Cd live con il M.to Organista Giancarlo Parodi, eseguendo i Fiori musicali di Girolamo Frescobaldi in alternatim con il canto ambrosiano-gregoriano. Grazie al prestigio del M.to Parodi, il gruppo ha proseguito la studio di altre Messe da realizzarsi in alternatim, sia del periodo rinascimentale con Giovanni Salvatore che ottocentesco con Polibio Fumagalli.
Negli ultimi anni il gruppo ha partecipato a vari convegni di canto gregoriano o ambrosiano: a Modena, ad Assisi. A Milano / Lugano, a Benevento
Le pubblicazioni, i concerti e l’animazione liturgica in Duomo e Basilica di S. Ambrogio di Milano, in S. Nicolò e S. Giovanni e Santa Barbara di Lecco, in S. Vittore e Sacro Monte di Varese sostengono e sviluppano l’intento del Gruppo di recuperare e diffondere il repertorio del canto Ambrosiano insieme  al Gregoriano e, più recentemente, al Beneventano.

Allegati

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookie tecnici necessari: %s.
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi